NOTIZIE

FIM – FIOM- UILM
MILANO

Ancora una volta nello stabilimento dell’Ilva di Taranto un lavoratore di una ditta di subappalto è morto a seguito di un grave infortunio.
A fronte dei continui incidenti gravissimi sui luoghi di lavoro, Fim, Fiom, Uilm di Milano ritengono sia necessario mettere in campo tutte le iniziative possibili per fermare questa sequenza di tragici eventi.
Nell’attivo unitario delle delegate e dei delegati metalmeccanici del 15 maggio sono state votate delle linee guida sulla contrattazione aziendale che prevedono, al primo posto dei nostri obiettivi rivendicativi e contrattuali, migliori condizioni per la salute e la sicurezza dei lavoratori: nel 2018 il numero di morti e degli infortuni sul lavoro è aumentato e la Lombardia e il Veneto sono in testa a questa triste classifica. Questo non è accettabile. Dobbiamo contrattare maggiori agibilità per gli Rls, un maggior numero di ore di formazione per i lavoratori, migliori condizioni relative alla prevenzione in materia di salute e sicurezza, maggiori investimenti in sicurezza e dispositivi di protezione individuali. Il gruppo di lavoro composto da Fim Fiom Uilm di Milano e Assolombarda, che si è costituito nelle settimane scorse, deve dare i suoi frutti al più presto.

Fim, Fiom e Uilm di Milano confermano le 2 ore di sciopero proclamate a livello nazionale nelle aziende del settore siderurgico e danno indicazione a tutte le RSU e RLS di mobilitarsi immediatamente, segnalando le situazioni più a rischio; qualora non ci fosse, da parte delle aziende, una risposta tempestiva ed adeguata a tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori, valutare possibili iniziative di protesta ed immediata informazione a tutti lavoratori anche attraverso la proclamazione dello sciopero.

Milano, 18 maggio 2018

 

Attachments:
FileDescriptionFile size
Download this file (CS 18 MAGGIO SICUREZZA.pdf)CS 18 MAGGIO SICUREZZA.pdf 597 kB

Giovedi 31 maggio, ore 18.00
Camera del Lavoro di Milano - C.so di Porta Vittoria 43

intervengono: 

Loris Campetti  - autore del libro

Roberta Turi - Segretaria generale Fiom Milano

Matteo Gaddi - Ass. Cult. Punto Rosso

Gianni Rinaldini  - Pres. Fondazione Claudio Sabattini

Onorio Rosati - coordinatore Articolo 1 Milano Metropolitana

 

Venerdì 20 aprile, ore 15.00

 Camera del Lavoro di Milano

 Corso di Porta Vittoria, 43  

 presentazione del libro di Pietro Ingrao “Memoria" 

 intervengono

 Alberto Olivetti, Curatore

 Maria Luisa Boccia, Filosofa politica

 Antonio Pizzinato, Anpi Lombardia

 Francesca Re David, Segretaria generale Fiom nazionale

 Mario Sai, Ufficio studi Cgil Milano 

coordina

 Roberta Turi, Segretaria generale Fiom Milano

149, 150, 151…: ogni giorno si aggiunge almeno una tacca al tragico pallottoliere dei morti sul lavoro.
Ma gli uomini e le donne che perdono la vita nelle fabbriche, nei cantieri, nei porti non sono numeri: hanno nomi, volti, storie.
All’inizio dell’anno, alla Lamina Spa, sono morti Arrigo, Marco, Giancarlo e Giuseppe.

FIM-FIOM-UILM MILANO

FIM FIOM UILM di Milano hanno convocato per martedì 15 maggio una grande assemblea unitaria del propri quadri e delegati per discutere del rilancio della contrattazione aziendale e territoriale.
“Nel CCNL Federmeccanica dello scorso 2016 si è condivisa una sperimentazione sul salario che durerà per tutta la vigenza del contratto: a decorrere dal 1 giugno 2017, nel mese di giugno di ciascun anno di vigenza del CCNL i minimi contrattuali per livello saranno adeguati sulla base della dinamica inflattiva consuntiva misurata con l'IPCA al netto degli energetici importati. Si è inoltre condiviso che, a livello aziendale, dovrà essere redistribuita la ricchezza prodotta attraverso la contrattazione di un premio di risultato.”
E’ proprio sul tema del premio di risultato e del rilancio della contrattazione aziendale e territoriale più in generale che si concentrerà una grande stagione di mobilitazione di FIM FIOM UILM a Milano.
A due anni dal rinnovo del CCNL Federmeccanica siamo costretti a registrare una scarsa diffusione della contrattazione aziendale (più del 70% delle aziende senza contratto interno), e purtroppo si verificano anche casi di chiusura alla redistribuzione della ricchezza prodotta anche in grandi gruppi multinazionali metalmeccanici con sede a Milano.
I dati recentemente diffusi da regione Lombardia fanno registrare nella nostra Regione un aumento del PIL procapite ben al di sopra della media nazionale, così come il dato occupazionale è tornato a livelli positivi del periodo pre-crisi. Ancora molto da fare sul versante della stabilizzazione dei contratti e soprattutto dell’occupazione giovanile.
In occasione dell’assemblea dei quadri delegati di FIM FIOM UILM verrà lanciata una piattaforma territoriale rivendicativa, utile come documento di sintesi di linee guida condivise, dove al centro c’è una base di riferimento economico dell’incremento retributivo aziendale pari a 580 euro annui, una forte spinta all’utilizzo della contrattazione per fare fronte all’organizzazione del lavoro e al funzionamento efficiente delle imprese, alla regolazione e valorizzazione della formazione professionale per essere competitivi nella sfida della quarta rivoluzione industriale. Altro tema portante riguarderà il capitolo della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, tema su cui sfideremo le imprese ad essere innovativi e a ritenere la salute e la sicurezza come tema di investimento e moncone costo.
Nei prossimi mesi le strutture di categoria saranno quindi impegnate su tutto il territorio di Milano e provincia a promuovere nei luoghi di lavoro la piattaforma sindacale, e contestualmente verrà richiesto all’associazione imprenditoriale di aprire intavolo provinciale di confronto per attuare le parti previste dalla contrattazione nazionale, perché lo stesso sia rispettato e attuato in ogni luogo di lavoro.

Milano, 14 maggio 2018

 

2018_locandina spettacolo_20 aprile
2018_locandina spettacolo_20 aprile

La vostra assenza nei nostri sguardi
Questa sera ore 20.00 serata in ricordo delle vittime sul lavoro alla Lamina Spa

Si terrà questa sera, presso il Salone Di Vittorio della Camera del Lavoro di Milano, la serata in ricordo di  Arrigo, Marco, Giancarlo e Giuseppe, i lavoratori che hanno perso la vita nel tragico incidente alla Lamina Spa di Milano il 16 gennaio di quest’anno.

Dichiarazione di Roberta Turi, segretaria generale Fiom Milano e Giulio Morelli Fiom Milano  

Si è conclusa con un accordo sofferto la lunga vertenza della Colgar International di Cornaredo.

“L’azienda aveva scelto di cessare completamente l’attività e licenziare tutti i dipendenti – sostengono Roberta Turi e Giulio Morelli – con i lavoratori abbiamo fatto tutto il possibile per scongiurare la chiusura totale del sito.

Lo sciopero nazionale di lunedì 7 maggio è riuscito con percentuali altissime. Ad esso si sono aggiunti presidi molto partecipati in tutti in siti, con un pullman di lavoratori vicentini venuti a Cinisello Balsamo per manifestare direttamente fuori dalla sede della Direzione Aziendale, con assemblea fuori dai cancelli insieme ai solidali lavoratori milanesi.

Chiediamo con forza all'Azienda di rivedere la decisione di licenziare gli operai: ci sono tutte le condizioni economiche ed organizzative, oltre alle disponibilità aziendali, per gestire la crisi con gli ammortizzatori sociali e con sacrifici temporanei finalizzati al recupero produttivo di tutti.

La tanto manifestata e autocelebrata modernità industriale del Gruppo deve partire dalla valorizzazione dei propri lavoratori, e non solo dei prodotti di mercato e dai rapporti con i clienti.

I lavoratori aspettano dall'azienda un incontro che inizi a trovare soluzioni positive ai diversi problemi presenti nei diversi siti, oltre al non secondario rispetto dell'integrativo aziendale e degli istituti economici definiti da esso.

Uscire da questa fase critica si può e si deve, attendiamo segnali di apertura dall'azienda.

Aggiorneremo i lavoratori tempestivamente con altri comunicati ed assemblee, auspicando non servano altri scioperi ed iniziative di lotta territoriali e nazionali.

 

Fim, Fiom, Uilm nazionali

 

 

Italtel
Italtel

Il 17 aprile le lavoratrici e i lavoratori di Italtel sciopereranno per tre ore a inizio turno e saranno in presidio davanti alla sede di Settimo Milanese per protestare contro il cambiamento di clima che si sta determinando anche a seguito del fatto che Exprivia, società Ict di Molfetta, detiene oggi la maggior parte delle azioni di Italtel.

Nei giorni scorsi Fim Fiom e Uilm nazionali avevano lamentato che nei colloqui fatti a un certo numero di addetti per convincerli ad accettare l’incentivo all’esodo, si fossero commesse violazioni dello Statuto dei Lavoratori attraverso domande improprie e totalmente indiscrete sulla vita privata dei lavoratori.

Dichiarazione di Roberta Turi, segretaria generale Fiom Milano

“E’ intollerabile ciò che è accaduto a Macerata, ma anche la sua lettura distorta, la sottovalutazione quando non l’accondiscendenza per le parole d’odio, l’istigazione alla violenza, gli atti squadristi che stanno creando un clima inquietante nel paese. Non siamo di fronte a fenomeni folkloristici, ma al tentativo pericoloso di riportarci ai tempi bui, di scaricare la responsabilità dei problemi sui più deboli in nome della “razza”.

Martedì 15 maggio 2018

ore 9.00 – 13.00

Auditorium Levi

Via Valvassori Peroni, 21, Milano

 

Contrattazione aziendale: governiamo il cambiamento

 

Linee guida unitarie per lo sviluppo e il rilancio della contrattazione nelle aziende e sul territorio

 

formazione
formazione

Ieri si è svolto presso il Politecnico di Milano un seminario di Fim, Fiom. Uilm e Assolombarda sul nuovo diritto soggettivo alla formazione continua nel CCNL dei metalmeccanici.

All’iniziativa hanno partecipato imprese e delegati metalmeccanici e tutti gli attori della formazione professionale, incluso il mondo accademico, per ribadire che il CCNL dei metalmeccanici propone un punto da cui partire, le 24 ore di formazione da garantire nel triennio a tutti i lavoratori, per concorrere insieme alla crescita professionale del personale nelle aziende.

“Colgar prende nome dalle famiglie dei fondatori e, dal 1945, passando attraverso generazioni, continua a rinnovarsi e ad essere un riferimento sia nella costruzione di macchine per asportazione di truciolo - (fresalesatrici) che per macchine deformazione (presse piegatrici).

Vai all'inizio della pagina