E’ stata siglata ieri, dopo una lunga trattativa, l’intesa che disciplina oltre il periodo di emergenza, la modalità di lavoro agile in Ibm.
"Si tratta di un ottimo risultato. - dichiara Elena Dorin, segretaria Fiom Milano -  I contenuti dell’accordo, infatti, rispondono alle nostre richieste e consegnano alle lavoratrici e ai lavoratori che operano da remoto una cornice di tutela e riferimento, oltre che un beneficio economico, anche al di là del periodo dell’emergenza che stiamo attraversando.
Fermo restando che tutti potranno decidere di operare in modalità “lavoro agile” per tre giorni a settimana (che potranno anche essere di più su base individuale), dal punto di vista normativo il vincolo del rispetto dell’orario contrattuale e il diritto alla disconnessione impediscono che il lavoro da casa si trasformi in un’attività infinita, mentre dal punto di vista economico l’introduzione del ticket restaurant da 8 euro sia per i giorni di lavoro in sede che da remoto rappresenta un significativo incremento salariale.
Esprimiamo grande soddisfazione anche per il capitolo che riguarda i diritti, come quello alla formazione e all’informazione oltre che i diritti sindacali che vengono confermati anche da remoto.
Nei prossimi giorni verranno indette le assemblee per illustrare i contenuti dell’intesa alle lavoratrici e ai lavoratori, poi toccherà ai diretti interessati, con il voto, approvare l’accordo che è stato raggiunto."

Milano, 9 aprile 2021

 

Search

Vai all'inizio della pagina